www.bellastoria.info

bella storia!

diario lavagna timeline quiz cerca

quizPsicologia dello sviluppo e dell’apprendimento

 

Robert L. Selman ha studiato soprattutto:

la puzzle box

il role taking

la Gestalt

la strange situation

 

Per Bruner, esistono due tipi di insegnamento:

espositivo e ipotetico

cattedratico e partecipato

noioso e divertente

formale e informale

 

Max Wertheimer era un esponente:

dell’approccio metacognitivo

del comportamentismo

del costruttivismo

della psicologia della Gestalt

 

Nello Human Information Processing, la memoria esplicita è divisa in:

memoria episodica e memoria semantica

memoria episodica e memoria procedurale

memoria episodica, memoria procedurale e memoria semantica

memoria procedurale e memoria semantica

 

Per Vygotskij, il linguaggio egocentrico del bambino durante un compito:

è una distrazione, ma aumenta all’aumentare della difficoltà

è una distrazione e diminuisce all’aumentare della difficoltà

è una necessità, ma diminuisce all’aumentare della difficoltà

è una necessità e aumenta all’aumentare della difficoltà

 

Per Erikson, il meccanismo di diffusione porta il giovane a:

dilatare i tempi per la definizione del ruolo

non prendere il ruolo a causa della mancanza di interessi

assumere il ruolo in base a scelte di comodo

fare una scelta opposta rispetto a quella promossa dagli adulti vicini al giovane

 

Il masggior esponente dell’attivismo è:

Adolphe Ferrière

John Dewey

Jean Piaget

Pierre Bovet

 

Per Morin, cultura umanistica e cultura scientifica:

sono complementari: la prima è sintetica, la seconda è analitica

sono opposte: la prima è sintetica, la seconda è analitica

sono opposte: la prima è analitica, la seconda è sintetica

sono complementari: la prima è analitica, la seconda è sintetica

 

Per Vygotskij, l’istruzione:

è la risposta condizionata a uno stimolo

è un condizionamento ottenuto con catene di connessioni (shaping)

può indurre lo sviluppo del bambino nella zona di sviluppo prossimale

è slegata dallo sviluppo: può intervenire solo quando il bambino è maturo

 

La posizione di Von Glaserfeld si può definire:

comportamentismo espistemologico

comportamentismo radicale

costruttivismo epistemologico

costruttivismo radicale

 

L’espressione learning by doing è stata resa famosa da:

John Dewey

Jean Piaget

Lev S. Vygotsij

Burrhus F. Skinner

 

L'approccio dello Human Information Processing paragona la mente umana:

a una tabula rasa

al computer

alla mente delle scimmie antropomorfe

ai riflessi condizionati dei cani

 

Per Erikson, il meccanismo di moratoria porta il giovane a:

fare una scelta opposta rispetto a quella promossa dagli adulti vicini al giovane

non prendere il ruolo a causa della mancanza di interessi

dilatare i tempi per la definizione del ruolo

assumere il ruolo in base a scelte di comodo

 

Per Piaget, la conoscenza è:

una modifica passiva del soggetto da parte dei fattori esterni

una costruzione del soggetto

una verifica sperimentale di una teoria che nasce interiormente

un condizionamento riflesso a uno stimolo ripetuto

 

Per Skinner, il lavoro svolto dallo studente con le macchine avviene:

con il tutoraggio dell’insegnante

in famiglia tramite collegamento internet

in gruppo

in solitudine

 

Per Bruner, le rappresentazioni si manifestano:

alternativamente a seconda della predisposizione personale del soggetto

contemporaneamente essendo solo modalità diverse dello stesso processo

alternativamente a seconda della cultura in cui è immerso il soggetto

in periodi successivi durante la crescita, senza venir totalmente sostituite

 

Secondo Bloom, per il Mastery Learning il tutor:

non è molto usata, perché non è efficace come i gruppi di studio

non è una buona strategia, perché lo studente non è sufficientemente attivo

è la miglior strategia, ma è molto costosa

è la strategia più usata perché è economica, ma i gruppi di studio sarebbero più efficaci

 

Von Foerster distingue tra macchine:

banali e non banali

moderne e antiche

utili e inutili

funzionanti e non funzionanti

 

Per Piaget, tutte le azioni sono governate da:

invariati disfunzionali

varianti funzionali

invariati funzionali

varianti disfunzionali

 

Bloom definisce l’attitudine come:

il tempo necessario allo studente per raggiungere la sufficienza in un argomento

il tempo necessario allo studente per raggiungere la padronanza di un argomento

lo sforzo necessario allo studente per raggiungere la sufficienza in un argomento

lo sforzo necessario allo studente per raggiungere la padronanza di un argomento

 

Thorndike era un esponente:

del costruttivismo

della psicologia della Gestalt

del comportamentismo

dell’approccio metacognitivo

 

George A. Kelly era un esponente:

del comportamentismo

dell’approccio metacognitivo

della psicologia della Gestalt

del costruttivismo

 

Nel Mastery Learning un corso di studi di una disciplina deve essere:

integrato multisciplinariamente con altre materie

diviso in piccole unità di apprendimento

accompagnato sempre da compiti di realtà

presentato in una visione complessiva

 

Il Mastery Learning s’inquadra nel:

comportamentismo

costruttivismo

pensiero complesso

cognitivismo

 

Per Piaget, la trasformazione è un processo:

di crescita interiore dovuto solo a fattori psicologici

con cui si arriva alla conoscenza agendo sull’ambiente esterno

con cui ci si sforza di cambiare

di crescita fisica dell’organismo

 

Il modello topografico della psiche di Freud, è costituito da:

Es, Io e Super-io

coscio, precoscio e incoscio

Eros, Thanatos ed Edipo

fase anale, fase orale e fase genitale

 

Per Van Foerster, quando uno studente ottiene un ottimo voto a un test:

ha sviluppato una soluzione originale per una situazione problema

è stato stimolato dall’ambiente di apprendimento

è stato banalizzato dalla scuola

ha studiato bene

 

Lawrence Kohlberg ha studiato le fasi dello sviluppo:

affettivo

sociale

morale

cognitivo

 

Per Dewey, l’istruzione deve partire:

dalle scelte educative dei genitori

da un programma statale che stabilisca le priorità di contenuto

dalle richieste del mercato del lavoro

dagli impulsi e dagli interessi degli alunni

 

Per Bloom, la perseveranza è:

il tempo che uno studente è disposto a usare per apprendere un argomento

la costanza con cui l’insegnante segue ogni studente

la resistenza che uno studente oppone all’apprendimento di un argomento

la ripetizione continua di un argomento finché non è appreso dallo studente

 

Per Erikson, ogni stadio evolutivo presenta:

due patologie di base, che si determinano con un eccesso della virtù

due patologie di base, che si determinano con un eccesso di una delle forze

una patologia di base, che si determina con un accumulo di virtù

una patologia di base, che si determina con un eccesso di entrambe le forze

 

Per Vygotskij, bambini con la stessa età mentale:

non hanno bisogno di una zona di sviluppo prossimale

hanno la stessa zona di sviluppo prossimale

hanno una zona di sviluppo prossimale uguale all’età mentale

possono avere una zona di sviluppo prossimale differente

 

Per Morin, la settorializzazione dei problemi è intelligenza:

sorda

zoppa

muta

cieca

 

Nello Human Information Processing, la memoria a lungo termine è divisa in:

esplicita (procedurale) e implicita (dichiarativa)

esplicita (dichiarativa) e implicita (procedurale)

induttiva (sintetica) e deduttiva (analitica)

induttiva (analitica) e deduttiva (sintetica)

 

Per Bowlby, i modelli operativi interni servono al bambino per:

memorizzare l’ambiente circostante e decidere quale comportamento adottare

costruire rappresentazioni mentali e imparare a muoversi in autonomia

costruire rappresentazioni mentali e decidere quale comportamento adottare

memorizzare l’ambiente circostante e imparare a muoversi in autonomia

 

Nello Human Information Processing, la memoria di lavoro è:

la memoria a lungo termine

la memoria sensoriale

la memoria inconscia

la memoria a breve termine

 

La cibernetica studia:

i meccanismi di autoregolazione e di controllo di un sistema

l’intelligenza umana paragonandola ai processi del pc

il controllo del movimento meccanico in rapporto a quello organico

l’interazione tra l’intelligenza umana e quella artificiale

 

Per Bruner, le rappresentazioni sono:

esecutive, iconiche e simboliche

cinetiche, iconiche e linguistiche

esecutive, visive e linguisitche

cinetiche, visive e linguistiche

 

Piaget, Vygotskij e Bruner sono i precursori:

della psicologia della Gestalt

del comportamentismo

del costruttivismo

dell’approccio metacognitivo

 

Per Vygotskij, l’istruzione:

è possibile solo per il livello attuale di sviluppo del bambino

nella zona di sviluppo prossimale è causa di sviluppo

è un’intuizione

causa un condizionamento stimolo-risposta

 

Köhler era un esponente:

dell’approccio metacognitivo

del costruttivismo

del comportamentismo

della psicologia della Gestalt

 

Per Piaget, bisogna proporre al bambino attività che:

si trovino nella zona di sviluppo prossimale

forzino l’acquisizione del pensiero simbolico

stimolino l’insorgere della risposta condizionata

siano adatte allo sviluppo intellettivo raggiunto

 

Nella cibernetica, sono importanti i concetti di:

osmosi e feedback

omeostato e backup

osmosi e backup

omeostato e feedback

 

John Bowlby si è occupato soprattutto:

della funzione del linguaggio

dell’attaccamento tra madre e bambino

dello sviluppo cognitivo del bambino

dello sviluppo psicosociale della persona

 

Per Koffka, lo sviluppo è:

sia maturazione (da Thorndike) sia istruzione (da Piaget)

maturazione (da Piaget)

sia maturazione (da Piaget) sia istruzione (da Thorndike)

maturazione (da Torndike)

 

Per Bruner:

gli argomenti complessi devono cadere nella zona di sviluppo prossimale

gli argomenti complessi possono essere frammentati in unità di una macchina per imparare

si possono presentare argomenti complessi in maniera semplice ai bambini

la complessità degli argomenti deve rispecchiare la fase di sviluppo dei bambini

 

Per Erikson, il meccanismo di ruolo negativo porta il giovane a:

fare una scelta opposta rispetto a quella promossa dagli adulti vicini al giovane

non prendere il ruolo a causa della mancanza di interessi

dilatare i tempi per la definizione del ruolo

assumere il ruolo in base a scelte di comodo

 

Per Von Glaserfeld:

la conoscenza è costruita attivamente e la cognizione ha scopo adattativo, non è scoperta ontologica

la conoscenza è costruita attivamente e la cognizione ha scopo adattativo come scoperta ontologica

la conoscenza è costruita attivamente e la cognizione ha scopo produttivo, non è scoperta ontologica

la conoscenza si riceve passivamente e la cognizione ha scopo adattativo, non è scoperta ontologica

 

La progettazione di macchine per insegnare è stata proposta da:

Skinner

Lovejoy

Simpson

Flanders

 

Per Dewey, l’istruzione teorica e astratta:

non è utile se non è supportata dall’azione pratica dell’esperienza

è la base su cui costruire il curriculo

va valorizzata nelle scuole che preparano l’accesso all’università

migliora le capacità di astrazione e di ragionamento degli alunni

 

Per Vygotskij, linguaggio egocentrico e linguaggio sociale sono:

parzialmente simili

fortemente in antitesi

due fasi successive dello sviluppo

strettamente correlati

 

Per Kohlberg, il livello convenzionale (adolescenti e adulti) dello sviluppo morale è composto dagli stadi:

1) legalistico verso il controllo sociale; 2) universale, etico e verso i princìpi

1) verso la concordia generale e l’approvazione degli altri; 2) verso l’ordine e la legalità

1) relativistico verso la tolleranza; 2) universale verso la comprensione

1) verso la punizione e l’ubbidienza; 2) strumentale-relativistico

 

Le scuole nuove si basavano sui princìpi di:

puerocentrismo, percorso progressivo in base allo sviluppo, individualismo, ambiente adeguato

idealismo, percorso progressivo in base allo sviluppo, cooperazione, ambiente adeguato

puerocentrismo, percorso progressivo in base allo sviluppo, cooperazione, ambiente adeguato

puerocentrismo, percorso elaborato sulle richieste della famiglia, cooperazione, ambiente adeguato

 

Per Von Glaserfeld, l’ideale è:

il tutor

la lezione frontale

creare gruppi di studio

rispettare lo stadio di sviluppo del bambino

 

Per Von Glaserfeld, l’accomodamento di Piaget va interpretato come:

riconoscimento, azione, conferma

intuizione

stimolo e risposta

riadattamento

 

Per Piaget, lo stadio senso-motorio è diviso in:

4 sotto-stadi

2 sotto-stadi

3 sotto-stadi

6 sotto-stadi

 

Per Dewey, il metodo educativo non deve mettere gli alunni in un atteggiamento:

di rifiuto

passivo

di iperattività

attivo

 

Per Morin, il punto critico dei sistemi educativi è la rinuncia a:

sostenere i ragazzi con bisogni educativi speciali

affrontare la conoscenza e i fenomeni nella loro complessità

dividere in unità didattiche semplici gli argomenti complessi

organizzare gruppi di studio cooperativi

 

Per Dewey, è necessario che si instauri un rapporto sinergico tra la scuola e:

le famiglie

la società democratica

l’università

il mondo del lavoro

 

Il pensiero di Bruner è chiamato:

Gestalt

cognitivismo

comportamentismo

strutturalismo

 

Per Piaget, l’istruzione:

è slegata dallo sviluppo: può intervenire solo quando il bambino è maturo

può indurre lo sviluppo del bambino nella zona di sviluppo prossimale

è la risposta condizionata a uno stimolo

è un condizionamento ottenuto con catene di connessioni (shaping)

 

Per Bowlby, la fase di orientamento e segnalazione con discriminazione è:

la terza e si manifesta tra i 5/6 mesi e i 2 anni

la quarta e si manifesta dopo i 2 anni

la seconda e si manifesta tra i 2/3 mesi e i 5/6 mesi

la prima e si manifesta entro i primi 2/3 mesi

 

La valutazione formativa è:

una valutazione diagnostica, distinta dalla valutazione sommativa

la verifica della conoscenza di un argomento

una valutazione sommativa accompagnata da un adeguato feedback

un sinonimo di valutazione sommativa

 

Lo shaping è:

la riflessione metacognitiva sul modo di risolvere un problema

una tecnica per migliorare la memoria

una procedura per imprimere gradualmente comportamenti complessi tramite rinforzi

l’intuizione (insight) che permette la risoluzione di un problema

 

Per Dewey, l’educazione deve avvenire attraverso:

una sequenza ben programmata di contenuti prestabiliti

il confronto costante con i grandi testi letterari del passato

l’esperienza

il dialogo tra insegnante e discente

 

Per Freud, l’Io è:

presente solo nel preconscio

totalmente incoscio

totalmente coscio

parzialmente inconscio

 

La posizione di Kelly si può definire:

comportamentismo radicale

costruttivismo radicale

costruttivismo epistemologico

comportamentismo epistemologico

 

Per Erikson, ogni stadio pone l’individuo a confronto:

con una coppia antinomica di qualità dell’Io

con una coppia antinomica di qualità dell’Es

con una patologia specifica dell’Es

con una patologia specifica dell’Io

 

Per Bruner, la rappresentazione è:

l’immagine dell’oggetto fissato dalla memoria

l’intuizione creativa del soggetto

il modo di elaborare le informazioni dell’ambiente circostante

il disegno infantile stilizzato

 

Per Skinner, per motivare gli alunni è fondamentale prevedere:

il recupero

il voto

la sanzione

il rinforzo

 

Vygotskij distingue tra concetti:

scientifici e quotidiani

scientifici e umanistici

analitici e intuitivi

analitici e sintetici

 

Köhler ha fatto esperimenti usando

gatti

cani

scimmie antromorfe

topi

 

Per Bowlby, la fase di mantenimento della prossimità tramite segnalazione ed esecuzione è:

la prima e si manifesta entro i primi 2/3 mesi

la quarta e si manifesta dopo i 2 anni

la terza e si manifesta tra i 5/6 mesi e i 2 anni

la seconda e si manifesta tra i 2/3 mesi e i 5/6 mesi

 

Wertheimer studia:

la reazione dei cani alla vista del cibo

il funzionamento dei pc

il movimento stroboscopico

i processi metacognitivi dei bambini

 

Nella strange situation si individuano gruppi di bambini:

intimoriti e impauriti, felici, intimoriti e disorganizzati, ambivalenti

insicuri ed evitanti, sicuri, insicuri e ambivalenti, disorganizzati

insicuri e impauriti, sicuri, insicuri e disorganizzati, ambivalenti

intimoriti ed evitanti, felici, intimoriti e ambivalenti, disorganizzati

 

Per Bruner, lo scaffolding è un processo che permette allo studente di:

mobilitare le competenze acquisite attraverso un problem solving

risolvere un problema che sarebbe troppo difficile se non fosse aiutato

memorizzare una grande quantità di informazioni grazie a una rappresentazione mentale

collegare tutte le discipline con delle associazioni di idee

 

Piaget definisce gli schemi semplici innati del neonato:

istinti

condizionamenti

eredità

riflessi

 

Bowlby definisce monotropia la tendenza del bambino a:

seguire uno schema definito di comportamenti di attaccamento nel suo sviluppo

sentirsi sicuro in un luogo specifico riconosciuto come “casa”

privilegiare una specifica figura di attaccamento

eseguire ripetutamente sempre gli stessi giochi esplorativi

 

Per Selman, il role taking (o perspective taking) è:

immaginare ciò che si vuole ottenere, pianificare e attivarsi per realizzarlo

la maturità con cui l’adolescente inizia a definire la sua identità

la capacità di vedere le cose dal punto di vista degli altri

l’accettazione passiva da parte dell’individuo del ruolo impostogli dalla società

 

Per Dewey, l’educazione è costituito da due aspetti fondamentali:

cognitivo e sociologico

psicologico e sociologico

cognitivo e biologico

psicologico e biologico

 

Per Selman, gli stadi di sviluppo del role taking sono in ordine:

egocentrico, soggettivo, autoriflessivo, sociale, reciproco

egocentrico, autoriflessivo, soggettivo, reciproco, sociale

egocentrico, autoriflessivo, soggettivo, reciproco, sociale

egocentrico, soggettivo, autoriflessivo, reciproco, sociale

 

Per Freud, gli stadi evolutivi del bambino sono in ordine:

orale, anale, latente, genitale, fallico

orale, anale, fallico, latente, genitale

orale, anale, latente, fallico, genitale

orale, anale, genitale, latente, fallico

 

Ainsworth si dedicò allo studio sperimentale:

delle scimmie antromorfe

della strange situation

del condizionamento dei cani

della puzzle box

 

Nello Human Information Processing, la memoria sensoriale è divisa in:

ecoica e riflessiva

visiva e riflessiva

visiva ed ecoica

riflessiva, ecoica e visiva

 

Per Vygotskij, l’uomo dispone di due funzioni psichiche:

inferiori (dalla biologia) e superiori (dalla cultura)

negative (dalla cultura) e positive (dalla biologia)

negative (dalla biologia) e positive (dalla cultura)

inferiori (dalla cultura) e superiori (dalla biologia)

 

Per Bruner, il curricolo deve essere:

diviso in piccole unità didattiche lineari

a spirale

calibrato sullo stadio di sviluppo del bambino

adeguato alla zona di sviluppo prossimale

 

Nella sua quarta lezione, Morin mette in rilievo che:

bisogna promuovere la conoscenza delle lingue straniere

bisogna promuovere la conoscenza di come siano interlacciati i destini umani

bisogna promuovere la conoscenza di come siano nate le culture umane

bisogna promuovere la conoscenza delle tradizioni locali

 

Per Bowlby, la deprivazione della figura di riferimento (madre) può essere:

rimossa o cosciente

parziale o totale

temporanea o definitiva

leggera o grave

 

Per Piaget, l’adattamento si divide in:

simulazione e accorpamento

assimilazione e accorpamento

simulazione e accomodamento

assimilazione e accomodamento

 

Per Bowlby, il comportamento di attaccamento del bambino è un comportamento:

cognitivo

adattivo

razionale

sociale

 

Per Skinner, nel percorso di apprendimento:

sia gli obiettivi finali che i tempi sono uguali per tutti gli alunni

sia gli obiettivi finali che i tempi tengono conto delle esigenze degli alunni

gli obiettivi finali tengono conto delle esigenze degli alunni, ma i tempi sono uguali per tutti

gli obiettivi finali sono uguali per tutti, ma i tempi tengono conto delle esigenze degli alunni

 

Nella sua terza lezione, Morin mette in rilievo che:

la conoscenza della natura umana deve essere globale e relativistica

la conoscenza della natura umana deve essere globale e olistica

la conoscenza della natura umana deve essere specialistica e settoriale

la conoscenza della natura umana deve essere spirituale e profonda

 

Wertheimer distingue tra:

condizionamento rispondente e condizionamento operante

pensiero produttivo e pensiero riproduttivo

rinforzo positivo e rinforzo negativo

comportamento operante e comportamento rispondente

 

Per Piaget, gli stadi di sviluppo sono:

variabili da 3 a 5, a seconda dell’ambiente in cui cresce il soggetto

3 (preoperatorio, operazioni concrete, operazioni formali)

4 (senso-motorio, preoperatorio, operazioni concrete, operazioni formali)

5 (premotorio, senso-motorio, preoperatorio, operazioni concrete, operazioni formali)

 

Nella sua sesta lezione, Morin mette in rilievo che:

bisogna insegnare la buona educazione

bisogna insegnare il dialogo

bisogna insegnare la comprensione

bisogna insegnare l’integrazione

 

Per Kohlberg, i livelli dello sviluppo morale sono:

presociale, sociale, postsociale

preconvenzionale, convenzionale, postconvenzionale

precondizionato, condizionato, postcondizionato

premorale, morale, postmorale

 

Per Bowlby, i principali comportamenti del bambino per rimanere in contatto con la madre sono:

starnutire, aggrapparsi, seguire, piangere e parlare

starnutire, aggrapparsi, cadere, piangere e sorridere

succhiare, aggrapparsi, seguire, piangere e sorridere

starnutire, aggrapparsi, cadere, piangere e parlare

 

Per Bruner, l’elemento fondamentale nello scaffolding è:

l’intuizione

il compito di realtà

il riflesso condizionato

il tutor

 

Per Dewey, le esperienze sono positive ed educative se seguono i princìpi di:

creatività, continuità e crescita

creatività, crescita e interazione

continuita, creatività e interazione

continuità, crescita e interazione

 

Per Bloom, la distribuzione dell’attitude degli allievi segue una curva:

sinusoidale

gaussiana

parabolica

iperbolica

 

Per Morin, i sistemi educativi sono stati erronamente costruiti su quattro pilastri:

ordine, separabilità, complessità, pensiero multidimensionale

disordine, olismo, complessità, pensiero multidimensionale

ordine, olismo, riduzione, pensiero multidimensionale

ordine, separabilità, riduzione, logica induttiva-deduttiva

 

Per Erikson, ogni stadio evolutivo è caratterizzato da:

una virtù di base da affermare definitivamente

una patologia di base da rifiutare definitivamente

una virtù di base da affermare temporaneamente

una patologia di base da rifiutare temporaneamente

 

Per Bowlby, la fase di orientamento e segnalazione senza discriminazione è:

la prima e si manifesta entro i primi 2/3 mesi

la quarta e si manifesta dopo i 2 anni

la seconda e si manifesta tra i 2/3 mesi e i 5/6 mesi

la terza e si manifesta tra i 5/6 mesi e i 2 anni

 

Per Bruner, la motivazione dello studente deve essere:

basata su un sistema di ricompense ravvicinate al comportamento corretto

basata su un sistema di punizioni e ricompense

sostenuta attraverso attività interessanti

intrinseca, riconoscendo l’utilità di ciò che apprende

 

Per Piaget, lo stadio preparatorio è diviso in:

3 sotto-stadi

2 sotto-stadi

6 sotto-stadi

4 sotto-stadi

 

Per Bruner, esistono:

transfer specifici e transfer non specifici

conoscenze settoriali e conoscenze generali

pensieri analitici e pensieri sintetici

cognizioni note e cognitizioni ignote

 

Per Vygotskij, l’uomo può potenziare la memoria tramite:

un ambiente e un’alimentazione sani

una tecnica che leghi il movimento al pensiero cosciente

un opportuno sistema di simboli

una serie di condizionamenti riflessi

 

Per Morin, la scuola deve insegnare a ragionare in modo:

multidimensionale

chiaro

razionale

pragmatico

 

Per Freud, il Super-io è:

presente solo nel preconscio

parzialmente inconscio

totalmente coscio

totalmente incoscio

 

Per Piaget, l’evoluzione del soggetto è

in parte funzionale e in parte disfunzionale

in parte continuo e in parte discontinuo

in parte empirico e in parte razionale

in parte crescente e in parte descrescente

 

Per Freud, le due pulsioni basilari sono:

nevrotica e morale

Eros e Thanatos

Edipo ed Elettra

orale e genitale

 

Ernst von Glasersfeld è esponente:

del comportamentismo

del costruttivismo

della psicologia della Gestalt

dell’approccio metacognitivo

 

Lo shaping è stato studiato da:

Skinner

Pavlov

Watson

Thorndike

 

Le fasi dell’attività metacognitiva sono:

metacomprensione, metamemoria, metaintuito, uso delle risorse, controllo, valutazione

metacomprensione, metamemoria, metaintuito, previsione, uso delle risorse, controllo

metacomprensione, metamemoria, uso delle risorse, previsione, controllo, valutazione

metacomprensione, metamemoria, uso del tempo, previsione, controllo, valutazione

 

John B. Watson era un esponente:

della psicologia della Gestalt

dell’approccio metacognitivo

del costruttivismo

del comportamentismo

 

Nello Human Information Processing si distingue tra:

memoria a breve termine, memoria a lungo termine e memoria inconscia

memoria sensoriale, memoria a breve termine e memoria a lungo termine

memoria a breve termine, memoria a lungo termine e memoria inconscia

memoria sensoriale, memoria a lungo termine e memoria inconscia

 

Per Vygotskij, il linguaggio interiore si afferma:

tra i 4 e i 7 anni, ma tavolta riaffora il linguaggio egocentrico

tra i 7 e i 10 anni, ma tavolta riaffora il linguaggio egocentrico

tra i 4 e i 7 anni e il linguaggio egocentrico sparisce totalmente

tra i 7 e i 10 anni e il linguaggio egocentrico sparisce totalmente

 

Per Bruner, le idee chiave di una disciplina devono essere presentate:

con una discussione in un gruppo cooperativo

in forma di scoperta progressiva come se lo studente fosse uno scienziato

attraverso l’uso di mezzi multimediali

in modo assertivo per poi passare alla loro dimostrazione

 

Per Von Glaserfeld, l’apprendimento è il risultato:

del condizionamento riflesso

dell’intuizione euristica

dell’auto-organizzazione dei concetti da parte dello studente

dell’esperienza nella zona di sviluppo prossimale

 

Bowlby cerca di spiegare i problemi di sviluppo della personalià in caso di deprivazione materna ricorrendo agli studi di:

Piaget sullo sviluppo cognitivo

Lorenz sull’imprinting

Vygotskij sulla funzione del linguaggio

Freud su Es, Io, Super-io

 

Per Von Glaserfeld:

non c’è modo di stabilire se la costruzione di due soggetti sia la stessa

la risposta allo stimolo stabilisce se la costruzione di due soggetti sia la stessa

il linguaggio stabilisce se la costruzione di due soggetti sia la stessa

l’esperienza stabilisce se la costruzione di due soggetti sia la stessa

 

Per Piaget, la sequenza degli stadi è:

fissa in tutti i soggetti

variabile a seconda dei fattori ambientali

fissa nella maggior parte dei soggetti e variabile in una minoranza

variabile a seconda del soggetto

 

Per Erikson, i meccanismi con cui i giovani cercano di attribursi un’identità sono:

ruolo positivo, ruolo negativo, preclusione, moratoria, diffusione

ruolo positivo, ruolo negativo, preclusione, moratoria, distanza

ruolo positivo, ruolo negativo, ruolo neutro, rifiuto, distanza

ruolo positivo, ruolo negativo, ruolo neutro, moratoria, diffusione

 

Skinner era un esponente:

del comportamentismo

del costruttivismo

dell’approccio metacognitivo

della psicologia della Gestalt

 

Per Dewey, il progresso sociale è garantito dall’educazione:

illuminista

religiosa

scolastica

famigliare

 

Nel 1952, Bowlby ha realizzato uno studio per l’OMS:

sul recupero degli orfani di guerra attraverso l’attaccamento a una nuova figura di riferimento

sulle forme dell’attaccamento in culture diverse

sull’interazione tra attaccamento e risposte innate

sugli effetti della deprivazione materna

 

Skinner propone:

gruppi di cooperative learning

la progettazione di macchine per insegnare

la lettura dei classici

l’esperienza attiva degli allievi

 

Per Bloom, il sistema più efficace per adeguare l’istruzione ai bisogni di ciascun studente è:

il tutor

i gruppi di studio

un compito di realtà

le applicazioni informatiche flessibili

 

Mary D. S. Ainsworth è stata collaboratrice di:

Bowlby

Piaget

Dewey

Freud

 

Skinner studiò:

la metacognizione

il condizionamento rispondente e il condizionamento operante

il pensiero produttivo

l’insight

 

Nella sua quinta lezione, Morin mette in rilievo che:

bisogna insegnare agli studenti ad affrontare il mercato del lavoro

bisogna insegnare agli studenti ad affrontare i compiti di realtà

bisogna insegnare agli studenti ad affrontare l’incertezza e l’ignoto

bisogna insegnare agli studenti ad affrontare i problemi del futuro

 

Per Piaget, l’egocentrismo intellettuale si manifesta:

dopo i 12 anni ed è caratterizzato da capacità di pensiero logico

tra 0 e 4 mesi ed è caratterizzato da riflessi, radicalismo e suzione

tra i 4 e 7 anni ed è caratterizzato da animismo, artificialismo e finalismo

dopo i 16 anni ed è caratterizzato da sicurezza nelle proprie idee

 

Per Bowlby, i comportamenti del bambino per rimanere in contatto con la madre:

variano nel tempo sia per frequenza sia nelle forme espressive

rimangono costanti nel tempo per frequenza, ma variano nelle forme espressive

rimangono costanti nel tempo sia per frequenza sia nelle forme espressive

variano nel tempo per frequenza, ma sono costanti nelle forme espressive

 

Per Kohlberg, lo sviluppo morale riguarda:

le conversioni da un sistema morale all’altro che si verificano nella vita

le sottoculture presenti all’interno di una cultura più vasta

i cambiamenti nella forma di pensiero della persona

le differenze evolutive tra i sistemi morali di diverse culture

 

Per Bowlby, il pianto e il sorriso sono:

rilasci sociali

richiami sociali

capacità sociali

competenze sociali

 

Per Vygotskij, durante la risoluzione di un problema, il linguaggio:

diminuisce gli stimoli e distrae

moltiplica gli stimoli e distrae

moltiplica gli stimoli e ha funzione autoregolativa

diminuisce gli stimoli e ha funzione autoregolativa

 

Per Von Foerster, la conoscenza è:

lo scarto tra ciò che si conosceva prima dell’unità didattica e ciò che si conosce dopo

l’analisi dei concetti fondanti di una disciplina

un processo che integra le esperienze presenti con le passate per produrre nuove attività

un condizionamento alla risposta riflessa

 

Per Vygotskij, nell’approccio di un problema, scimmie antropomorfe e bambini si distinguono soprattutto per l’uso:

del linguaggio

degli oggetti

della forza

dell’agilità

 

Vygotskij si ispira a:

Thorndike

Piaget

Bloom

Koffka

 

Per Piaget, la conoscenza è:

un processo di analisi logica interiore

rievocazione attraverso l’intuizione interiore

geneticamente già data completa alla nascita

interazione continua tra ambiente e organismo

 

Per Bowlby, le risposte istintuali nel bambino per rimanere attaccato alla madre è dovuto al fatto che il legame è indispensabile in primo luogo:

allo sviluppo delle capacità motorie del bambino

al corretto inserimento del bambino nella società di appartenenza

alla sopravvivenza del bambino

allo sviluppo del linguaggio del bambino

 

Per Kohlberg, il livello preconvenzionale (bambini fino a 10 anni) dello sviluppo morale è composto dagli stadi di orientamento:

1) verso la concordia generale e l’approvazione degli altri; 2) verso l’ordine e la legalità

1) verso la punizione e l’ubbidienza; 2) strumentale-relativistico

1) legalistico verso il controllo sociale; 2) universale, etico e verso i princìpi

1) relativistico verso la tolleranza; 2) universale verso la comprensione

 

Per Bowlby, i comportamenti che mediano l’attaccamento sono di tre tipi:

comportamenti di orientamento, segnalazione ed esecutivi

comportamenti di interazione, segnalazione ed esecutivi

comportamenti di orientamento, interazione ed esecutivi

comportamenti di orientamento, segnalazione e interazione

 

Per Skinner, il rinforzo perde di efficacia se:

passa troppo tempo tra di esso e il comportamento corretto

è elargito troppo di frequente

è troppo piccolo rispetto allo sforzo richiesto dal comportamento corretto

non esiste un legame sufficiente tra l’alunno e l’insegnante

 

Per Bloom, la distribuzione della valutazione:

spesso segue una normale curva gaussiana, ma dovrebbe invece avere un picco verso il minimo

spesso ha un picco verso il minimo, ma dovrebbe invece seguire una normale curva gaussiana

spesso ha un picco verso il massimo, ma dovrebbe invece seguire una normale curva gaussiana

spesso segue una normale curva gaussiana, ma dovrebbe invece avere un picco verso il massimo

 

Bruner si rifa soprattutto agli studi di:

Kelly e Glasersfeld

Piaget e Vygotskij

Pavlov e Skinner

Freud e Jung

 

Per Erikson, le virtù che si acquisiscono con il superamento positivo delle crisi sono in ordine:

speranza, volontà, propositi, competenza, fedeltà, aver cura, amore, saggezza

speranza, volontà, propositi, competenza, fedeltà, amore, aver cura, saggezza

speranza, volontà, competenza, propositi, fedeltà, aver cura, amore, saggezza

speranza, propositi, volontà, competenza, fedeltà, aver cura, amore, saggezza

 

La valutazione sommativa è:

il giudizio da allegare alla pagella

la valutazione per competenze

la verifica della conoscenza di un argomento

la media dei voti alla fine dell’anno in una specifica disciplina

 

Il concetto di readiness for learning è stato elaborato da:

Bloom

Bruner

Piaget

Vygotskij

 

Per Bloom, il tempo a disposizione per l’apprendimento è:

spesso troppo poco per riuscire a concludere i normali programmi in modo soddisfacente

la lunghezza della singola lezione

i giorni stabiliti tra la conclusione dell’argomento e la verifica sommativa

una variabile critica che il docente deve prevedere per ogni argomento

 

Piaget parte rifacendosi alla filosofia di:

Hegel

Cartesio

Locke

Kant

 

Per Von Glaserfeld, l’assimilazione di Piaget va interpretata come:

stimolo e risposta

riadattamento

intuizione

riconoscimento, azione, conferma

 

Van Foerster distingue tra domande:

filosofiche e scientifiche

timide e impertinenti

difficili e facili

legittime e illegittime

 

Il condizionamento operante è dovuto:

al pensiero produttivo

all’intuizione

alla metacognizione

al rinforzo positivo e al rinforzo negativo

 

Per Bruner, tutte le discipline sono costituite da:

una conoscenza: alcune teorie chiave e le deduzioni che ne discendono

una convenzione: alcune parole chiave e le definizioni che le spiegano

una struttura: alcune idee chiave e le relazioni che le legano

un problema: alcuni bisogni chiave e le tecniche che li risolvono

 

Per Bloom, l’abilità nel comprendere l’istruzione è l’abilità di uno studente nel comprendere:

un compito assegnatogli e le procedure da eseguire per risolverlo

l’argomento di studio e le sue connessioni con gli altri argomenti

le relazioni tra l’argomento scolastico e la sua applicazione nella realtà quotidiana

il linguaggio specialistico della materia

 

Per Bruner, le forme delle rappresentazioni:

devono combinarsi

possono combinarsi

non possono combinarsi

non devono combinarsi

 

Per Vygotskij, simboli e linguaggio sono:

strumenti sociali e culturali per potenziare le funzioni psichiche naturali

impedimenti all’accesso delle funzioni psichiche naturali

senza alcuna relazione con le funzioni psichiche naturali

inferiori alle funzioni psichiche naturali

 

Jerome S. Bruner aderì inizialmente:

al kantismo

al movimento psicologico New look

alla psicologia della Gestalt

al comportamentismo

 

Per Erikson, il meccanismo di preclusione porta il giovane a:

non prendere il ruolo a causa della mancanza di interessi

fare una scelta opposta rispetto a quella promossa dagli adulti vicini al giovane

assumere il ruolo in base a scelte di comodo

dilatare i tempi per la definizione del ruolo

 

Per Piaget, un’azione può essere:

irreale o esteriorizzata

reale o esteriorizzata

irreale o esteriorizzata

reale o interiorizzata

 

Le new school si diffusero:

tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento

dopo gli anni ‘50 del Novecento

negli anni ‘20 del Novecento

alla fine del Novecento

 

Per Bloom, la valutazione di uno studente deve avvenire dal confronto con:

uno standard generale e oggettivo

l’andamento nelle altre discipline

i suoi risultati degli anni precedenti

l’andamento del resto della classe

 

Per Piaget, l’intelligenza è la capacità di:

adattarsi all’ambiente in un rapporto equilibrato con esso

conoscere l’ambiente in un rapporto intellettivo su di esso

sfuggire all’ambiente in un rapporto di civilizzazione rispetto a esso

modificare l’ambiente in un rapporto di dominio su di esso

 

Per Vygotskij, il linguaggio egocentrico del bambino è:

come il linguaggio interiore dell’adulto

una forma di distrazione dal compito

segnale che il bambino non distingue ancora tra sé stesso e l’ambiente

presente solo nei compiti più facili

 

Nella sua prima lezione, Morin mette in rilievo che:

i problemi di realtà devono accompagnare il processo educativo

la competenza deve accompagnare il processo educativo

la socializzazione deve accompagnare il processo educativo

la metacognizione deve accompagnare il processo educativo

 

Per Thorndike, l'apprendimento avviene:

per shaping

per prove ed errori

per rinforzo negativo

per intuizione

 

L’attività metacognitiva è:

un’attività di autocondizionamento per rendere più consapevole l’attività cognitiva

un’attività di autocondizionamento per rendere più efficace la memorizzazione

un’attività di autoriflessione per rendere più consapevole l’attività cognitiva

un’attività di autoriflessione per rendere più efficace la memorizzazione

 

Per l’elaborazione dei suoi studi, Bowlby è partito:

dall’etologia, dal darwinismo e da Freud

dall’etologia, dal darwinismo e da Pavlov

dagli studi di Piaget, Freud e Pavlov

dall’etologia, dal darwinismo e da Freud

 

Per Erikson, ogni stadio evolutivo è:

una patologia che pone l’Io in crisi psicosociale

una patologia che pone l’Io in crisi con l’Es

una sfida che pone l’Io in crisi psicosociale

una sfida che pone l’Io in crisi con l’Es

 

Per Dewey, la scuola:

non prepara alla vita, ma al lavoro

non prepara al lavoro, ma alla vita

non è parte della vita, ma prepara alla vita

non prepara alla vita, ma è già parte della vita

 

Per Bruner, è importante:

la puzzle box

il Mastery Learning

il problem solving

il feedback

 

Per Bowlby, gli stadi di sviluppo dell’attaccamento sono:

tre

sei

cinque

quattro

 

L’espressione scuole attive è stata usata per la prima volta nel 1917 da:

Adolphe Ferrière

John Dewey

Jean Piaget

Pierre Bovet

 

Nella sua settima lezione, Morin mette in rilievo che:

bisogna far comprendere l’appartenenza alla comunità nazionale

bisogna far comprendere l’appartenenza a una comunità planetaria

bisogna far comprendere l’appartenenza alla comunità europea

bisogna far comprendere l’appartenenza alla comunità locale

 

Per Morin l’unitas multiplex è:

l’unisono nel molto, ma anche il molto dell’unisono

l’unità del molteplice, ma anche la molteplicità dell’uno

l’unicità della moltitudine, ma anche la moltitudine dell’unico

l’unità nella moltiplicazione, ma anche la moltiplicazione dell’uno

 

Nel 1896, Dewey:

ha sperimentato una nuova didattica in una tradizionale scuola religiosa in Alabama

ha riformato il sistema scolastico dello Stato di New York

ha istituito una catena di scuole elementari libere in California

ha fondato una scuola presso l'università di Chicago

 

L’epistemologia di Piaget si può definire:

nominalista

realista

ontologica

genetica

 

Il pensiero di Edgar Morin è alla base:

dei decreti delegati del 1977

della riforma Gentile del 1923

delle Indicazioni nazionali per il curriculo del 2007

della riforma Buona Scuola del 2015

 

Nella sua seconda lezione, Morin mette in rilievo che:

la conoscenza ininfluente è la conoscenza locale

la conoscenza pertinente è la conoscenza globale

la conoscenza pertinente è la conoscenza locale

la conoscenza inifluente è la conoscenza globale

 

Koffka è un esponente:

del pensiero complesso

della Gestalt

del costruttivismo

del comportamentismo

 

Per Pavlov, l’apprendimento si ha con:

lo stimolo incondizionato e la risposta riflessa

lo stimolo condizionato e la risposta incondizionata

lo stimolo condizionato e la risposta riflessa

lo stimolo incondizionato e la risposta incondizionata

 

Nel Mastery Learning:

sia la valutazione sommativa che quella formativa vanno fatte in itinere

sia la valutazione sommativa che quella formativa vanno fatte alla fine di un argomento

la valutazione sommativa va fatta alla fine di un argomento, quella formativa in itinere

la valutazione formativa va fatta alla fine di un argomento, quella sommativa in itinere

 

Per Vygotskij, l’uso dei simboli e del linguaggio:

esalta il comportamento naturale dell’uomo a favore di funzioni superiori

interrompe il comportamento naturale dell’uomo a scapito dell’intuizione

interrompe il comportamento naturale dell’uomo a favore di funzioni superiori

esalta il comportamento naturale dell’uomo favorendo l’intuizione

 

Per Vygotskij, nello svolgimento di un compito, l’uso di simboli:

ha una funzione inferiore al linguaggio

ha una funzione simile al linguaggio

ha la stessa funzione del linguaggio

ha funzione opposta al linguaggio

 

Köhler chiama insight:

il pensiero produttivo

l’intuizione improvvisa che permette di risolvere un problema

la riflessione metacognitiva sui processi mentali

il riflesso condizionato a uno stimolo

 

Per Vygotskij, la zona di sviluppo prossimale è:

quell’insieme di concetti e azioni che il bambino può padroneggiare da solo

lo stadio di sviluppo appena superato dal bambino

quell’insieme di concetti e azioni che il bambino può padroneggiare se aiutato

lo stadio di sviluppo attuale del bambino

 

Von Glaserfeld distingue tra:

conoscenza e competenza

conoscenza e apprendimento

addestramento e competenza

addestramento e apprendimento

 

Per Piaget, oltre agli invariati funzionali, esistono anche:

le strutture invariabili (schemi di azione, schemi mentali e strutture mentali)

le strutture variabili (schemi di azione, schemi mentali e strutture mentali)

le variabili disfunzionali (errori di azione, errori mentali e fallacie mentali)

gli invariati disfunzionali (errori di azione, errori mentali e fallacie mentali)

 

Watson stabilisce le leggi della:

frequenza e reticenza

infrequenza e reticenza

infrequenza e recenza

frequenza e recenza

 

Per Vygotskij, i concetti che hanno un’ampia zona di sviluppo prossimale sono quelli:

scientifici che partano da situazioni problema da risolvere in gruppo

pratici che diano ampio spazio alla sperimentazione e al lavoro manuale

generali e fondanti, organizzati in strutture formali, come lo studio di greco, latino e matematica

concreti che permettono l’esecuzione di compiti di realtà

 

Per Bowlby, il bambino mette in atto dei comportamenti per:

entrare in contatto con la madre

assicurarsi di ricevere il cibo

imparare la socializzazione nella cultura in cui vive

sviluppare le sue capacità cognitive

 

Per Kohlberg, il livello postconvenzionale (livello autonomo o di principio) dello sviluppo morale è composto dagli stadi:

1) legalistico verso il controllo sociale; 2) universale, etico e verso i princìpi

1) relativistico verso la tolleranza; 2) universale verso la comprensione

1) verso la concordia generale e l’approvazione degli altri; 2) verso l’ordine e la legalità

1) verso la punizione e l’ubbidienza; 2) strumentale-relativistico

 

Per Piaget, gli schemi di funzionamento mentale:

sono fissi in tutti i soggetti

evolvono in ciascun soggetto

diminuiscono in ciascun soggetto

variano da soggetto a soggetto

 

Per Piaget, uno stadio di sviluppo:

ingloba il precedente, ma è slegato dal successivo

è slegato dal precedente, ma è propedeutico al successivo

è slegato sia dal precedente che dal successivo

ingloba il precedente stadio ed è propedeutico al successivo

 

Benjamin S. Bloom è il maggior teorico:

della zona di sviluppo prossimale

delle intelligenze multiple

delle macchine per insegnare

del Mastery Learning

 

Per Erikson, il meccanismo di ruolo positivo porta il giovane a:

dilatare i tempi per la definizione del ruolo

assumere il ruolo in base a scelte di comodo

assumere in modo convinto il ruolo, secondo le proprie inclinazioni

fare una scelta opposta rispetto a quella promossa dagli adulti vicini al giovane

 

Per Piaget, gli invariati funzionali sono i principi di:

costruzione (che crea le strutture) e adattamento (che modifica le strutture)

organizzazione (che crea le strutture) e modellamento (che modifica le strutture)

organizzazione (che crea le strutture) e adattamento (che modifica le strutture)

costruzione (che crea le strutture) e modellamento (che modifica le strutture)

 

Bruner distingue tra:

pensiero scientifico e pensiero quotidiano

pensiero analitico e pensiero intuitivo

pensiero positivo e pensiero negativo

pensiero semplice e pensiero complesso

 

Per Kohlberg, lo sviluppo morale si dipana in:

6 stadi

3 livelli composti da 2 stadi ciascuno

2 livelli composti da 3 stadi ciascuno

6 livelli

 

Per Freud, l’Es è:

totalmente coscio

presente solo nel preconscio

totalmente incoscio

parzialmente inconscio

 

Nella descrizione della psiche, Freud utilizza i modelli:

topografico e strutturato

mappato e strutturale

mappato e strutturato

topografico e strutturale

 

Per Von Foerster, la norma secondo cui le regole osservate in passato vanno applicate anche in futuro:

permette di risolvere compiti di realtà

è alla base del metodo scientifico di individuare regole di cause-effetto

preclude l’evoluzione personale e sociale

è particolarmente utile nello studio della matematica

 

Rientrano nel cognitivismo gli studi:

del comportamentismo, della psicologia della Gestalt e dello Human Information Processing

della psicologia della Gestalt, del comportamentismo e del metodo metacognitivo

del comportamentismo, dello Human Information Processing e del metodo metacognitivo

della psicologia della Gestalt, dello Human Information Processing e del metodo metacognitivo

 

Per Vygotskij, sviluppo e istruzione:

coincidono

non sono correlati

sono correlati, ma non coincidono

sono opposti

 

Per Von Foerster, il sistema di istruzione:

ottimizza gli studenti

banalizza gli studenti

penalizza gli studenti

valorizza gli studenti

 

Per Erikson, gli stadi di sviluppo psicosociale della persona coprono:

fino alla maturazione a 25 anni

i primi anni fino alla maturazione delle operazioni formali a 16 anni

tutta la vita fino alla vecchiaia

i primi anni fino alla latenza a 6 anni

 

Il modello strutturale della psiche di Freud, è costituito da:

Es, Io e Super-io

fase anale, fase orale e fase genitale

Eros, Thanatos ed Edipo

coscio, precoscio e incoscio

 

Nella cibernetica, il feedback può essere:

negativo (convergente) o positivo (divergente)

negativo (divergente) o positivo (convergente)

attivo (convergente) o passivo (divergente)

attivo (divergente) o passivo (convergente)

 

Per Bloom, la qualità dell’istruzione è il livello con il quale la spiegazione di un argomento:

è ottimale per uno studente

è espressa in termini tecnici

è espressa in termini semplici

è approfondita

 

Per Freud, l’angoscia può essere:

soggettiva, nevrotica o morale

oggettiva, nevrotica o sociale

oggettiva, isterica o morale

oggettiva, nevrotica o morale

 

Per la psicologia della Gestalt, la rappresentazione mentale delle sensazioni:

va considerata nella sua configurazione totale

non esiste

va analizzata con un'autoriflessione sui processi mentali

scomposta in associazioni elementari

 

Piaget:

si colloca nel cognitivismo, ma è anche precursore del comportamentismo

si colloca nel comportamentismo, ma è anche precursore del cognitivismo

si colloca nel costruttivismo, ma è anche precursore del cognitivismo

si colloca nel cognitivismo, ma è anche precursore del costruttivismo

 

Piaget chiama egocentrismo radicale la fase in cui:

il bambino è più propenso ai capricci (tra 2 e 5 anni)

il bambino impara a dire “no” (2 anni)

il neonato non distingue tra sé e l’ambiente (fino a 4 mesi)

l’adolescente mette in discussione i valori ricevuti (tra 14 e 18 anni)

 

Per Skinner, il programma deve essere elaborato:

secondo una sequenza rigorosa a ritroso, che parta dal generale per arrivare al particolare

secondo una sequenza rigorosa progressiva di obiettivi misurabili

seguendo argomenti prestabiliti, ma che devono essere integrati in corso d’opera dalle esperienze

in corso d’opera per tenere conto delle curiosità manifestate dagli alunni durante le esperienze

 

Pavlov era un esponente:

della psicologia della Gestalt

del costruttivismo

del comportamentismo

dell’approccio metacognitivo

 

Il primo a elaborare nel 1921 i princìpi fondamentali su cui si fondavano le scuole nuove fu:

Adolphe Ferrière

Pierre Bovet

Jean Piaget

John Dewey

 

Per Bowlby, la fase di formazione della relazione è:

la seconda e si manifesta tra i 2/3 mesi e i 5/6 mesi

la quarta e si manifesta dopo i 2 anni

la terza e si manifesta tra i 5/6 mesi e i 2 anni

la prima e si manifesta entro i primi 2/3 mesi

 

Gestalt vuol dire:

memoria

forma

intuizione

soggetto

 

Per Vygotskij, oltre al linguaggio egocentrico, il bambino può usare anche il linguaggio:

altruista

eterocentrico

sociale

analitico

 

Per Piaget, lo stadio delle operazioni formali arriva a compimento a:

18 anni

16 anni

14 anni

20 anni


Stay tuned!

canale YouTube pagina twitter e-mail stampa

segnala un errore     termini d’uso     cookie policy