www.bellastoria.info

bella storia!

diario lavagna timeline quiz cerca

quizFilosofi presocratici

 

Eraclito è il filosofo

dell'etica

della logica

dell'essere

del divenire

 

Per Anassagora, dalla mescolanza (mìgma) originaria

dei quattro elementi si formano i vari corpi per opera della rarefazione

dei quattro elementi si formano i vari corpi per opera dell'intelligenza (nous) divina

dei semi si sono distinti i vari corpi per opera dell'intelligenza (nous) divina

dei semi si sono distinti i vari corpi per opera della rarefazione

 

Anassimandro individua l'origine dei fenomeni

nei numeri

in una realtà soprasensibile

nella falsa percezione dell'uomo

in uno degli elementi naturali

 

I filosofi ionici indagavano

l’etica e la virtù

le cause e il principio dell’universo

la correttezza del pensiero logico

il problema ontologico

 

Protagora era di

Abdera

Samo

Mileto

Leontini

 

Polemos significa

principio

armonia

ragione

conflitto

 

Per Anassimene, il caldo e il freddo sono il risultato

delle nostre sensazioni

della presenza o dell'assenza del fuoco

del movimento

di un'illusione

 

Per Empedocle, le quattro radici (di cui sono composte le cose) sono animate da due forza opposte:

staticità che crea e trasformazione che distrugge

nascita che crea e morte che distrugge

condensazione che unisce e rarefazione che divide

amore che unisce e odio che divide

 

Le colonie della Ionia si trovavano

sulle coste dell’Asia Minore (nell’attuale Turchia)

nel Peloponneso (in Grecia)

nella zona di Tessalonica (l’attuale Salonicco)

in Sicilia (nelle attuali isole Eolie)

 

Per Empedocle, quando ci sono

sia divenire che stabilità, c'è caos

sia nascita che morte, c'è mutamento

sia rarefazione che combinazione, c'è equilibrio

sia amore che odio, c'è vita

 

Per Democrito, gli atomi si muovono

nel vuoto

nell'etere

nel fuoco

nell'acqua

 

“Polemos è signore di tutte le cose" è una frase di

Eraclito

Parmenide

Empedocle

Talete

 

Per Empedocle ciò che appare come nascita e morte è

l'effetto dei processi di separazione e unione degli elementi che compongono un ente

l'effetto dell'identità degli opposti

l'illusione di movimento smascherata dai paradossi dei Zenone

l'illusione dell'opinione comune

 

Per Empedocle, l'intelligenza divina

è una forza che ha separato i semi e determinato l'ordine del mondo

è una legge statica che garantisce l'immutabilità dell'essere

è instabile e ciò spiega i mutamenti nel mondo

è arbitraria e ha deciso di creare le cose dal nulla

 

Probabilmente, Eraclito è nato

a Efeso

ad Atene

a Samo

a Mileto

 

Empedocle è nato

ad Agrigento

a Mileto

a Samo

ad Elea

 

Logos significa

ragione, conoscenza e intuizione

ragione, opinione e realtà

ragione, pensiero e discorso

ragione, numero e armonia

 

La filosofia di Parmenide si basa su:

il principio di identità e quello di non contraddizione

il principio di pluralità e quello di non confusione

il principio di identità e quello di non confusione

il principio di pluralità e quello di non contraddizione

 

Per Eraclito, il discorso

nasconde la conoscenza

crea la conoscenza

altera la conoscenza

esprime la conoscenza

 

Alcuni studiosi definiscono la sofistica una specie di

Romanticismo greco

Modernismo greco

Illuminismo greco

Risorgimento greco

 

Il fuoco trasmette a Eraclito l'idea di

staticità e armonia

distruzione e indifferenza

distruzione e desolazione

dinamicità e trasformazione

 

Secondo Talete il principio di tutto è

l'aria, perché genera le cose attraverso la rarefazione e la condensazione

l'apeiron, perché è all'origine delle qualità contrarie che determinano i fenomeni

l'acqua, perché genera i raccolti e vivifica le cose

il fuoco, perché è espressione della dinamicità e dell'armonia degli opposti

 

Antifonte era

della scuola ionica

un sofista minore

un atomista minore

della scuola eleatica

 

Per difendere le tesi di Parmenide, Zenone usa

epitaffi polemici

sillogismi complessi

aforismi criptici

paradossi logici

 

Può essere considerato il fondatore dell'ontologia occidentale

Pitagora

Parmenide

Eraclito

Talete

 

Gorgia era di

Abdera

Mileto

Leontini

Stagira

 

In campo etico, Democrito proponeva

un edonismo moderato, perché bisognava appagare il corpo fino alla sua disgregazione

un razionalismo morale, perché la ragione era elevata a giudice dell'esistenza

un fideismo sincero, perché era il fato a governare la vita degli uomini

un titanismo ante litteram, poiché voleva superare i limiti della natura umana

 

Nel quarto paradosso di Zenone sulla massa nello stadio, un punto in movimento

va apparentemente a una certa velocità, ma in realtà al doppio di essa

apparentemente è immobile, ma in realtà va a una certa velocità

va apparentemente a una certa velocità, ma in realtà è immobile

va a una certa velocità e simultaneamente al doppio di essa

 

Per Eraclito, la ragione

governa la città

governa l'universo

è estranea all'universo

non è comprensibile all'uomo

 

Per Pitagora il principio di armonia delle cose è

il numero

il logos

l'apeiron

l'essere

 

L'opera di Eraclito che ci è rimasta è costituita da

epitaffi

aforismi

sofismi

sillogismi

 

Elea si trovava

nell'attuale Repubblica di Macedonia

nella zona dell'odierna Salerno

nell'attuale sud della Bulgaria

nella zona dell'odierna Istanbul

 

Pitagora nacque

a Mileto

a Crotone

ad Atene

a Samo

 

Fanno parte della scuola ionica:

Talete, Anassimandro e Anassimene

Leucippo e Democrito

Protagora e Gorgia

Parmenide e Zenone

 

Samo è

un'isola delle Eolie (nell'attuale Sicilia)

un golfo della Campania (nella zona dell'attuale Salerno)

un'isola ionica (vicino alle coste dell'attuale Turchia)

una penisola del Peloponneso (sulle coste dell'attuale Grecia)

 

Nel terzo paradosso, la freccia

è in movimento quando appare immobile e immobile quando appare in movimento

che appare immobile è in realtà in movimento

è immobile e in movimento nello stesso momento

che appare in movimento è in realtà immobile

 

Antifonte sosteneva

l'uguaglianza di tutti gli uomini

la diseguaglianza degli uomini in base alle origini

l'uguaglianza di tutti i greci

la disuguaglianza dei greci in base al censo

 

Per Pitagora, il dispari è principio

di misura e disarmonia, quindi di male

di misura e armonia, quindi di bene

di movimento e molteplicità, quindi di bene

di molteplicità e disarmonia, quindi di male

 

Per Pitagora, il principio fondante dell'universo ha natura

relazionale

quantitativa

qualitativa

complessa

 

Per Empedocle,

nascita e morte producono una storia cosmica lineare che finisce nel caos

condensazione e rarefazione producono un ciclo cosmico perenne

amore e odio producono un ciclo cosmico perenne

trasformazione e staticità producono una storia cosmica lineare che finisce nell'essere

 

Per Talete, l'acqua è

sostanza ed essenza

attuale e necessaria

potenziale e incidentale

accidentale e casuale

 

Per Eraclito, l'elemento materiale fondamentale è

l'acqua, perché genera i raccolti e vivifica le cose

l'apeiron, perché è all'origine delle qualità contrarie che determinano i fenomeni

il fuoco, perché è espressione della dinamicità e dell'armonia degli opposti

l'aria, perché genera le cose attraverso la rarefazione e la condensazione

 

I sofisti trasmettevano le loro conoscenze

cicli di lezioni tenute in scuole specializzate, che seguivano determinati programmi didattici

attraverso riti di iniziazione misterici, riservati ai discepoli più fidati

in piccoli circoli informali gratuiti di aristocratici selezionati

con una predicazione pubblica nelle strade estesa a qualunque passante

 

Per Empedocle, quando domina completamente

la rarefazione, non c'è vita

la staticità, non c'è vita

l'amore, non c'è vita

il mutamento, non c'è vita

 

Apeiron significa

senza origine, cioè l'increato

senza logica, cioè l'illogico

senza costanza, cioè l'incostante

senza limite, cioè l'illimitato

 

L'arché è

le leggi, le regole di vita della polis

la logica, il principio del pensiero

il principio, l’origine di tutto ciò che esiste

l’anima, l'essenza dell'uomo

 

Efeso è una città

del Peloponneso in Grecia

della Ionia nell'attuale Turchia

della Macedonia nella penisola balcanica

della Tracia, attualmente tra il sud della Bulgaria e la Turchia

 

I paradossi di Zenone sono quelli

della distanza da percorrere, di Achille e la cicala, della freccia, delle masse nello stadio

della distanza da percorrere, di Achille e la tartaruga, della freccia, delle masse nello stadio

della distanza da percorrere, di Achille e la tartaruga, della spada, delle masse nello stadio

della casa da misurare, di Achille e la tartaruga, della freccia, delle masse nello stadio

 

Per Eraclito, le trasformazioni sono espressione

dell'inganno dei sensi, in quanto l'essere non può mutare

dei quattro elementi, che si ricombinano incessantemente

di una superiore unità, che consiste nell'identità degli opposti

degli atomi, che si muovono a livello invisibile

 

Per Anassimene, il principio di tutto è

l'acqua, perché genera i raccolti e vivifica le cose

il fuoco, perché è espressione della dinamicità e dell'armonia degli opposti

l'aria, perché genera le cose attraverso la rarefazione e la condensazione

l'apeiron, perché è all'origine delle qualità contrarie che determinano i fenomeni

 

Anassagora ritiene che

nascere significhi condensarsi e perire rarefarsi

nascere significhi mutamento e perire immobilità

nascere significhi unirsi e perire disgregarsi

nascere significhi perfezione e perire imperfezione

 

I sofisti

spostarono l'attenzione della filosofia dall'etica all'Essere supremo

spostarono l'attenzione della filosofia dalla società alla natura

spostarono l'attenzione della filosofia dall'Essere supremo all'etica

spostarono l'attenzione della filosofia dalla natura alla società

 

Alétheia significa

principio

verità

opinione

conoscenza

 

Anassagora è nato a

Clazomene in Ionia

Clazomene nel sud Italia

Mileto in sud Italia

Mileto in Ionia

 

Per Democrito, gli atomi sono

finiti e si distinguono per forma e grandezza, ma non per sostanza

infiniti e si distinguono per forma, grandezza e sostanza

finiti e si distinguono per forma, grandezza e sostanza

infiniti e si distinguono per forma e grandezza, ma non per sostanza

 

Per Democrito,

l'anima è prigioniera del corpo e alla morte viene liberata dalla divisione degli atomi del corpo

l'anima è incorporea, in quanto è quell'idea che anima gli atomi del corpo

l'anima è spirituale, poiché non ha legami reali con gli atomi del corpo

l'anima è corporea, in quanto composta da atomi mobili e sottili

 

Il pensiero filosofico nacque

nelle colonie della Ionia

nelle colonie del sud Italia

ad Atene

in Macedonia

 

Anassimene nacque

a Mileto

a Siracusa

a Samo

a Stagira

 

Per Eraclito, il pensiero

è ingannato dalla doxa

coglie solo le sensazioni

è ingannato dai sensi

coglie la ragione universale

 

Pitagora fondò la sua comunità

ad Atene in Grecia

a Samo nelle colonie ioniche

a Crotone in Magna Grecia

a Siracusa in Magna Grecia

 

Democrito nacque

ad Elea nella Magna Grecia

ad Abdera in Tracia

a Samo nelle isole ioniche

a Mileto nelle colonie della Ionia

 

Per Anassimene

terra, aria e acqua derivano dal fuoco tramite processi di raffreddamento e consolidamento

aria, fuoco e acqua derivano dalla terra tramite processi di polverizzazione e riscaldamento

terra, fuoco e acqua derivano dall'aria tramite processi di rarefazione e condesazione

aria, terra e aria derivano dall'acqua tramite processi di nebulizzazione e condensazione

 

Sono atomisti

Talete, Anassimandro e Anassimene

Parmenide e Zenone

Leucippo e Democrito

Protagora e Gorgia

 

Sono pluralisti

Protagora e Gorgia

Parmenide e Zenone

Empedocle e Anassagora

Eraclito e Anassimandro

 

Per Democrito,

la materia è divisibile all'infinito

la materia è un illusione, poiché la realtà esiste solo nel nostro pensiero

la materia non è altro che la condensazione dell'aria

la materia è formata da particelle non ulteriormente divisibili, dette atomi

 

Con i suoi paradossi, Zenone vuole

negare il divenire, il molteplice e il movimento

dimostrare la relatività

provare il calcolo infinitesimale

calcolare la massa e il movimento dei corpi

 

Cirizia era

un atomista minore

della scuola ionica

un sofista minore

della scuola eleatica

 

I sofisti furono accusati di essere

razionalisti e freddi calcolatori

relativisti e cavillatori in mala fede

edonisti e corruttori dei costumi

dogmatici e ossessionati dai valori tradizionali

 

Per Protagora, il valore prevalente è la ricerca

della fusione con l'essere attraverso l'ontologia

della volontà degli dei attraverso la teologia

dell'utile collettivo e individuale attraverso la retorica

dello studio della natura attraverso la fisica

 

"L'uomo è misura di tutte le cose, di quelle che sono in quanto sono e di quelle che non sono in quanto non sono" è una frase di

Protagora

Parmenide

Zenone

Gorgia

 

Protagora sosteneva

il razionalismo filosofica, la ricerca della verità assoluta e la razionalità dell'etica

il dogmatismo filosofico, il rispetto delle tradizioni e il valore dell'etica antica

l'idealismo filosofico, la ricerca dell'immersione nella natura e il valore collettivo dell'etica

il soggettivismo filosofico, la legittimità di diverse opinioni e la convenzionalità dell'etica

 

I sofisti erano abili

ad aiutare i poveri con il denaro e a fare volontariato con il tempo libero

a combattere con le armi e a gareggiare in velocità nello stadio con l'allenamento

a persuadere con la dialettica e a sostenere sia una tesi che il suo opposto con l'eristica

a mostrare temperanza con l'autocontrollo e coraggio davanti alla morte con la meditazione

 

Introdusse la filosofia ad Atene:

Parmenide

Anassagora

Anassimene

Eraclito

 

"Panta rei" significa

tutto è forza

tutto scorre

tutto è reale

tutte le cose sono

 

Per Empedocle, le quattro radici (rizòmata) che compongono un ente sono

logos, apeiron, arché, kosmos

numero, armonia, unità, musica

fuoco, logos, identità, mutamento

fuoco, aria, acqua, terra

 

I fisici pluralisti vogliono conciliare

i paradossi di Zenone con l'immutabilità dell'essere di Parmenide

i paradossi di Zenone con il divenire delle cose di Parmenide

il divenire delle cose di Eraclito con l'immutabilità dell'essere di Parmenide

il divenire delle cose di Parmenide con l'immutabilità dell'essere di Eraclito

 

Anassimandro nacque

ad Atene

a Stagira

ad Agrigento

a Mileto

 

Per Anassagora

i semi si riducono ai quattro elementi e hanno quattro qualità diverse

i semi non si riducono ai quattro elementi e hanno qualità diverse

i semi non si riducono ai quattro elementi, ma hanno tutti le stesse qualità

i semi si riducono ai quattro elementi, ma hanno tutti le stesse qualità

 

Per Pitagora, l'anima è

prigioniera del corpo

proiezione interiore del corpo

in unità armonica con il corpo

parte del corpo

 

Anassagora chiama gli elementi che si separano e si uniscono

radici (rizòmata)

numeri

atomi

semi (spérmata)

 

Sono sofisti

Parmenide e Zenone

Leucippo e Democrito

Empedocle e Anassagora

Protagora e Gorgia

 

Per Democrito, i mondi sono prodotti

dalla fusione dei nuclei degli atomi, che provocano una reazione a catena con rilascio di energia

dalla rarefazione degli atomi dell'aria, che producono il fuoco che illumina le stelle

dalla condensazione degli atomi dell'aria, che producono la terra

dalle infinite combinazioni degli atomi, che cadono costantemente gli uni sugli altri

 

I primi a considerare l'universo come cosmo (ordine) sono stati

gli ionici

i pitagorici

gli eleatici

gli atomisti

 

Melisso definisce l'essere

come finito e sferico

come infinito e incorporeo

come finito e incorporeo

come infinito e sferico

 

Per Parmenide, l'essere è

ingenerato, eterno, immutabile, immobile, plurale, omogeneo, finito, sferiforme

ingenerato, eterno, immutabile, immobile, unico, omogeneo, finito, sferiforme

ingenerato, eterno, immutabile, immobile, unico, omogeneo, infinito, sferiforme

ingenerato, eterno, immutabile, immobile, unico, omogeneo, finito, informe

 

Per Anassagora, i semi sono

indivisibili, ma infinitamente aggregabili

indivisibili e non aggregabili

infinitamente divisibili e aggragabili

infinitamente divisibili, ma non aggregabili

 

Talete ha ricercato

la téchne

la doxa

la pólis

l’arché

 

Per Parmenide, le due vie di conoscenza per l'uomo sono

il sentiero degli eletti e quello dei perduti

il sentiero della verità e quello dell'opinione

il sentiero del bene e quello del male

il sentiero dalla maggioranza e quello della minoranza

 

La dottrina della trasmigrazione delle anime da un corpo all'altro dopo la morte si chiama

metempsicosi

mitopsicosi

animpsicosi

netempsicosi

 

Melisso nacque

a Samo

ad Atene

a Siracusa

a Elea

 

I sofisti diedero molta importanza

alla pietà, per conquistare consenso della popolazione attraverso le opere caritative

alla retorica, per imporsi nelle cariche pubbliche attraverso i discorsi

alla virtù, per conquistare il governo attraverso l'ammirazione dei loro seguaci

al coraggio, per imporre il loro potere attraverso l'azione militare

 

Zenone nacque

a Elea

a Stagira

a Samo

a Mileto

 

Nel secondo paradosso di Zenone,

Achille si avvicina sempre più alla tartaruga senza raggiungerla mai

Achille supera la tartaruga

Achille raggiunge la tartaruga, ma non può superarla

Achille non si avvicina alla tartaruga

 

Talete nacque

a Samo

ad Agrigento

ad Atene

a Mileto

 

Per Anassimandro, il principio di tutto è

l'acqua, perché genera i raccolti e vivifica le cose

l'apeiron, perché è all'origine delle qualità contrarie che determinano i fenomeni

il fuoco, perché è espressione della dinamicità e dell'armonia degli opposti

l'aria, perché genera le cose attraverso la rarefazione e la condensazione

 

Democrito ritiene che la filosofia

debba approfondire soprattutto lo studio del potere politico e delle leggi

debba esaminare prima di tutto i fondamenti e i procedimenti della logica

si debba spingere oltre la realtà sensibile per cogliere l'essenza delle cose

debba soprattutto aiutare a ricercare la felicità

 

Per Democrito, colore, odore e sapore

non appartengono agli atomi, ma derivano dell'azione degli atomi sugli organi di senso

sono illusioni, in quanto non derivano né dalla qualità né dall'azione degli atomi

sono qualità degli atomi che gli organi di senso riescono a percepire

derivano sia dalla qualità che dal movimento degli atomi che colpiscono gli organi di senso

 

Per Eraclito, il logos è anche

cosmos

apeiron

polemos

ousia

 

Per Pitagora, è razionale ciò che è

pronunciabile

misurabile

generale

incalcolabile

 

Nel primo paradosso, Zenone sostiene che, siccome prima bisogna passare per la metà di una distanza da percorrere, e prima ancora per la metà di questa, e così all'infinito, allora

si arriverà all'estremità di questa distanza solo nell'eternità

non si può mai arrivare all'estremità di questa distanza

l'estremità della distanza si può cogliere solo per intuizione

l'estremità della distanza è raggiungibile solo per asintoto

 

Per Gorgia, l'uomo

può conoscere l'essere solo attraverso i sensi

non può conoscere l'essere in alcun modo

può conoscere l'essere solo attraverso un'intuizione mistica

può conoscere l'essere solo attraverso la razionalità

 

I pluralisti conciliano il divenire e l'immutabilità distinguendo tra

composti fisici ed elementi spirituali

composti spirituali ed elementi fisici

elementi mutevoli e composti immutabili

composti mutevoli ed elementi immutabili

 

Dell'opera di Eraclito ci sono rimasti solo

140 parole

140 frammenti

14 capitoli

4 libri

 

Per Parmenide, il non-essere

non esiste se non viene pensato

esiste se viene pensato

esiste alla morte, quando si diventa non-essenti

non esiste e non può venir pensato

 

Per Democrito, l'uomo

è fatto a immagine di Dio

è solo spirito e il corpo non è altro che un'aggregazione di particelle che lo imprigiona

è un insieme di particelle di materia

ha uno spirito che è della stessa essenza dell'essere e un corpo fatto di particelle di materia

 

Fanno parte della scuola eleatica

Protagora e Gorgia

Parmenide e Zenone

Leucippo e Democrito

Talete, Anassimandro e Anassimene

 

"Nulle esiste; se anche esistesse, non sarebbe conoscibile; se anche fosse conoscibile, non sarebbe comunicabile" è una frase di

Gorgia

Parmenide

Zenone

Protagora

 

Paradosso significa argomentazione

in contrasto (parà) all'opinione comune (dòxa)

a favore (parà) dell'opinione comune (dòxa)

a favore (parà) dei sensi (dòxa)

in contrasto (parà) ai sensi (dòxa)

 

Per i sofisti, la virtù

era prerogativa degli aristocratici

era trasmessa nella religione olimpica

si imparava soprattutto nell'epica omerica

era insegnabile a tutti

 

Dòxa significa

politica

verità

maggioranza

opinione

 

Parmenide nacque

ad Elea

a Stagira

a Samo

ad Atene

 

Crizia sosteneva che la religione era

uno strumento dei politici per far rispettare le leggi e controllare il popolo

una rivelazione degli dèi agli uomini per consolarli delle loro afflizioni

un'invenzione del popolo per controllare i politici e ridurre la corruzione

una rivelazione dei profeti antichi per promuovere la virtù

 

La parte della filosofia che studia l'essere , cioè ciò che esiste nella sua essenza, si chiama

ontologia

antologia

entologia

essentologia

 

La filosofia di Democrito è una forma di

finalismo

idealismo

agnosticismo

materialismo

 

"Sofista" significa

docente

sapiente

oratore

ingannatore

 

"L'essere è e non può non essere, il non-essere non è e non può essere" è una frase di

Gorgia

Zenone

Eraclito

Parmenide

 

Per Parmenide il sentiero

dell'alétheia è la via dell'essere e quello della doxa è la via del divenire

dell'alétheia è la via della vita e quello della doxa è la via della morte

dell'alétheia è la via del bene e quello della doxa è la via del male

dell'alétheia è la via della ragione e quello della doxa è la via dell'inganno dei sensi

 

Per Parmenide, il filosofo deve intraprendere la via della ragione, cioè lo studio

del divenire

della logica

della fisica

dell'essere

 

Per Pitagora, alla morte

l'anima trasmigra da un corpo all'altro, finché non è degna di ricongiungersi con l'Uno

si dissolve, in quanto gli atomi che la compongono vengono dispersi

si trasforma in numero, divenendo parte del cosmo

passa un giudizio divino, che ne determina la distruzione o la vita eterna alla presenza dell'Essere

 

Per Eraclito, il principio di tutto è

il numero

l'armonia

l'apeiron

il logos

 

Per Democrito, le sensazioni sono provocate dagli atomi

degli oggetti, che penetrano nel corpo e vengono a contatto con gli atomi dell'anima

dell'anima, che escono dal corpo per catturare le impressioni esterne

dell'anima, che escono dal corpo e vengono respinti dentro dagli atomi degli oggetti

degli oggetti, che urtano gli atomi del corpo, trasmettendo così il movimento anche all'interno


Stay tuned!

canale YouTube pagina twitter e-mail stampa

segnala un errore     termini d’uso     cookie policy